GRAFFITI-ON-LINE.COM

 

2002-2021 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietÓ artistica e letteraria sono riservati.


Le Recensioni di Carlo Cerofolini

CINEMA - BARRIERE

Un Film di Denzel Washington


26/02/2017 - Carlo Cerofolini


(Roma)  

Introduzione

Dal teatro al cinema la piece teatrale di August Wilson è dominata dalle ottime prove di Denzel Washington e Viola Davis

Recensione

La scelta di fare del teatro una materia cinematografica si lega a una serie di caratteristiche che inevitabilmente finiscono per influenzare il risultato finale. Se pensiamo ai film come beni di consumo e allo spettatore medio come possibile fruitore non c’è dubbio che la dilatazione dei tempi narrativi, la collocazione degli attori all’interno di un unico ambiente e soprattutto la tendenza a sviluppare la storia attraverso le parole anziché l’azione sono fattori destinati ad appagare un ristretto numero di appassionati. D’altro canto in un’epoca di avvilimento culturale e di mancanza di idee la possibilità di uno spettacolo che si riappropri in maniera corretta dei principi dell’arte e della drammaturgia costituisce di per sé un valore aggiunto in grado di fornire al film la ragione per essere visto.

“Barriere” diretto dal tre volte regista Denzel Washington offre ne è la dimostrazione perché lungi dall’essere un film destinato alle vette del box-office (nonostante la presenza dello stesso Washington in veste d’attore principale e di Viola Davis in qualità di coprotagonista) la vicenda di Troy Maxon, promessa del baseball costretto ad abbandonare lo sport per una vita di stenti e di fatiche non è solo il resoconto di una parabola umana ed esistenziale segnata dall’ingiustizia sociale e dalle conseguenze della discriminazione razziale che imperversava negli Stati Uniti degli anni cinquanta. Certo il malessere del protagonista e quello che di riflesso si riversa sul resto dei suoi familiari e in prima istanza su Rose - la moglie che in qualche modo ne stempera i lati più duri del carattere – è senza margine di dubbio la conseguenza della ghettizzazione subita dalla comunità nera in ogni angolo del paese. Al contrario però, ciò che occupa la parte centrale della narrazione è il dramma da “gruppo di famiglia in un interno” generato dalla debordante personalità dell’egotico patriarca, tanto efficace nel prendersi cura della propria famiglia quanto dispotico nell’affermazione del diritto di padre padrone che Troy impone al resto della compagine.

Se “Barriere” si regge sulle straordinarie interpretazioni degli attori (anche quelli di secondo piano) e sulla capacità che ha il testo di parlare la lingua del nostro tempo non va dimenticata la regia di Denzel Washington soprattutto quando si tratta di far coincidere il sentimento d’oppressione che grava sui personaggi con lo stile claustrofobico delle riprese e con una messinscena che nella densità degli elementi scenografici rende come meglio non si potrebbe lo stato d’assedio vissuto dal contraddittorio protagonista.


 

 

2002-2021 Graffiti-on-line.com - Tutti i diritti di proprietÓ artistica e letteraria sono riservati.