Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

Incontri settimanali di formazione

      

   

Costume

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Articolo di:

Nazzareno Figorilli


Un supplemento d’anima, etico e politico, di analisi e di proposta

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2019 Tutti i diritti riservati

Sbarchi clandestini a Lampedusa


Movimento Cristiano Lavoratori

Incontri settimanali di formazione

Un supplemento d’anima, etico e politico, di analisi e di proposta

(Rieti, Nov 6 2006 12:00AM)

Sono ripresi gli incontri di formazione sociale e da quest’anno anche politica del Movimento Cristiano Lavoratori, tutti i venerdì dalle ore 18,00 alle 19,30 fino al 15 dicembre presso l’Aula Giuseppe Ragno di Via Paolo Borsellino, 36 a Rieti. Gli incontri sono aperti a tutti, credenti e non, uomini di buona volontà che desiderano sapere e che vogliono contribuire a formare il sapere, nel campo dell’etica e della politica, nel campo sociale come in quello economico con

riferimento alla dottrina e al magistero della Chiesa. Nazzareno Figorilli presidente del Movimento Cristiano Lavoratori chiede ai cattolici di uscire dal “borbotto”, dal “giudizio”, dal “peccato di omissione sociale”, e come sostiene il responsabile della formazione MCL Massimo Casciani a proposito della difesa della vita, “il cittadino cattolico non deve fermarsi all’annuncio, ma deve argomentare e lottare perché le coscienze siano informate e formate e deve intervenire politicamente con il voto e l’azione politica”. Un “supplemento d’anima” dice in sostanza Figorilli, etico e politico, di analisi e di proposta per lo sviluppo del pensiero e dell’azione politica.

L’incontro di venerdì scorso 3 novembre 2006 “Emergenza sociale: immigrati, tossicodipendenti, carcerati . Dall’accoglienza alla legalità”.

 

Il tema è stato trattato da Figorilli che ha detto “venerdì scorso ci siamo lasciati con una riflessione che introduce l’argomento di oggi, la Chiesa è madre e maestra”. Mettere in relazione accoglienza e legalità – ha detto Figorilli – è possibile solo con la dottrina e l’insegnamento sociale della Chiesa. E’ proprio della Chiesa l’essere madre che accoglie, che invita all’accoglienza che è carità-amore verso il prossimo. E’ proprio dell’insegnamento sociale della Chiesa il suo invito a rispettare la legge che è dello Stato, Stato democratico solo se rispetta i principi della dignità della persona umana (Lc. 20,20-25). L’insegnamento dell’Apostolo Luca mette in relazione accoglienza e legalità, “rendete dunque a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio”. Lealtà nei riguardi delle leggi dello Stato, ma in cima alla scala dei valori dello Stato deve esserci la persona, la sua dignità all’umana esistenza. Il compito del rispetto della dignità è della politica che fa le leggi, ma spesso la politica si riduce a semplice tecnica, senz’anima che non rispetta la dignità umana. La politica per questo deve sempre e di nuovo essere purificata dal prevalere dell’interesse personale e dal prevalere della ragione di parte soprattutto se è ideologica, purificata anche dal senso del potere che la politica conferisce e che l’abbaglia. Nella reciproca autonomia è bene quindi che fede e ragione, fede e politica, Chiesa e Stato entrino in rapporto per realizzare ciò che è buono e giusto per la persona umana (DCE. Benedetto XVI). Prendiamo in considerazione le emergenze sociali del nostro territorio, la Città di Rieti e il suo hinterland allargato, circa centomila cittadini, due terzi della popolazione del territorio provinciale. Le più evidenti che alimentano la non accoglienza e la mancanza di rispetto della legge sono costituite dagli immigrati, dai tossicodipendenti, dai carcerati. Alla data del 1° gennaio 2006 nel territorio considerato gli immigrati erano 5.824 dei quali 3.176 femmine e 2.648 maschi. Un incremento del 16,3% rispetto al 1° gennaio 2005. La comunità più numerosa è costituita da quella rumena con il 22,8% e 1.328 immigrati. Gli immigrati regolari sono assistiti in vario modo dalla Regione e dal Comune di Rieti, direttamente o con finanziamenti e iniziative promosse da organizzazioni di immigrati. Sono assistiti anche dalle associazioni del volontariato cattolico insieme ai non regolari ai quali per senso e dovere di umanità non viene richiesto il permesso di soggiorno. Gli immigrati regolari hanno tutti il lavoro e l’abitazione o risiedono presso famiglie dove prestano il loro lavoro. L’emergenza sociale è costituita da tre fatti. Molti immigrati clandestini vengono sfruttati da datori di lavoro che li nascondono ed eludono la legge. La legge deve provvedere a regolarizzare coloro che si trovano a vivere questa condizione. L’altro è costituito dalla quasi totalità degli immigrati regolari che non sono integrati con la popolazione reatina che ne rifiuta l’accoglienza identificandoli come pericolo per la diversità culturale e religiosa. L’altro ancora è la razionalizzazione degli interventi del Comune di Rieti a favore dei ceti disagiati e degli immigrati, razionalizzazione che deve individuare chi realmente necessita di aiuti e di sostegno da parte della pubblica amministrazione eliminando favoritismi ingiusti e fuori dalla regola. La politica e le istituzioni locali in generale sono lontani da queste emergenze poiché non costituiscono un consenso elettorale. Alla data del 1° novembre 2006 nel territorio considerato i tossicodipendenti “conosciuti”, quelli cioè che si rivolgono all’assistenza sanitaria della ASL di Rieti, sono complessivamente 508, 202 soggetti a dipendenza da sostanze stupefacenti di cui 174 maschi e 28 femmine, 306 soggetti a dipendenza da alcool e patologie collegate di cui 239 maschi e 67 femmine. Di rilievo il maggior numero di soggetti dipendenti da alcool rispetto a quelli dipendenti da sostanze stupefacenti. L’emergenza e la pericolosità sociale dei soggetti alle due dipendenze è ben nota a chi ha frequentazione con loro. L’invito del Movimento Cristiano Lavoratori è rivolto alla maggiore sensibilità, accoglienza-amore, del diverso dipendente da droga e alcool, e un’ attenzione diversa della legge per l’obbligo del trattamento terapeutico verso queste dipendenze. In particolare è l’alcool la causa della maggiore dipendenza e mortalità. Il divieto di vendita degli alcolici per età, luoghi, orari deve essere regolamentato per legge con maggiore rigore, così da costituire un fatto di freno al consumo oltre che di educazione. La Casa Circondariale di Rieti, presso la quale svolge il servizio di assistenza volontario lo stesso Figorilli, ha una capienza di 45 detenuti. All’entrata in vigore della legge di indulto si trovavano ristretti 56 detenuti, di cui circa un terzo dipendenti da droghe e alcool, un terzo di stranieri, un terzo di italiani. Sono stati scarcerati nell’arco di pochissimi giorni e alla vigilia di ferragosto, 34 detenuti per pene definitive o in attesa di giudizio per reati le cui condanne sarebbero rientrate entro i tre anni di riduzione della pena prevista dall’indulto. Dieci sono i residenti nel territorio reatino considerato, di cui quattro nel Comune di Rieti. Il provvedimento di clemenza era atteso come atto umanitario in considerazione del soprannumero dei detenuti, 60.000 rispetto alla capienza di 45.000 nei 207 istituti di reclusione italiani. La demagogia politica nel giro di pochi giorni ha rimesso in libertà 24.000 detenuti causando una vera emergenza sociale senza alcun aiuto di carattere economico, né di iniziativa di reinserimento sociale come l’abitazione, il lavoro, il minimo di liquidità di denaro per provvedere alle immediate necessità del vivere, prima tra tutte il mangiare. Solo il Comune di Rieti si è fatto carico a proprio costo dell’assunzione con borsa lavoro di quattro detenuti, di cui due anche per accoglienza abitativa in albergo, e di sostegno economico in denaro per le prime necessità. E’ evidente - ha detto Figorilli - che la mancanza istituzionale dell’accoglienza all’esterno delle strutture di detenzione reinserisce il detenuto nella precedente area sociale che l’ha portato a delinquere, facendo nuovamente male a stesso, alla propria famiglia e a noi cittadini. L’accoglienza e la legge devono avere una maggiore intesa per ridurre e eliminare l’emergenza sociale costituita dalle tre tipologie che sono in continua crescita.

L’incontro di questa settimana, venerdì 10 novembre, tratterà il tema “Omissione della politica e crisi industriale a Rieti”.


Nazzareno Figorilli

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2019 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrà sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche