Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

Centralità della famiglia e società dei consumi

      

   

Costume

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Articolo di:

Nazzareno Figorilli


L’incontro del 24 novembre 2006

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2019 Tutti i diritti riservati

Una Famiglia italiana


Comunicato MCL

Centralità della famiglia e società dei consumi

L’incontro del 24 novembre 2006

(Rieti, Nov 28 2006 12:00AM) Figorilli ha indicato alcuni elementi di riflessione sulla situazione della famiglia italiana. L’ultimo censimento 2001 indica che le famiglie in Italia sono 21.810.676. Di queste ben 5.427.621 sono costituite da una sola persona, 5.905.411 da due, 4.706.206 da tre, 4.136.206 da quattro, 1.265.826 da cinque, 369.406 da sei o più persone. Le famiglie costituite da una sola persona, in genere single o donne anziane considerato che vivono più degli uomini, e quelle costituite da due persone che possono essere due anziani o una coppia di giovani senza figli, sono 11.333.032 e costituiscono il 50% delle famiglie italiane senza figli. Le famiglie che hanno uno o al massimo due figli sono 8.842.412 e costituiscono il 40,5% delle famiglie italiane. Un altro dato assai significativo riguarda l’età media nella quale si concepisce il primo figlio. Dal 1980 al 2000 l’età media nella quale le donne hanno avuto il primo figlio è passata da 27,5 a 30,4 anni. Dal 2000 al 2005 le donne di quaranta anni hanno avuto più figli delle ventenni. La percentuale delle madri quarantenni è salita infatti dal 12,2 al 16,1 per mille, mentre quella delle ventenni è scesa dal 74,3 al 20,7 per mille. I dati presentano aspetti preoccupanti e la considerazione da fare è che senza figli non c’è futuro per il nostro Paese. La scelta di non avere figli è legata a problemi di natura spirituale e culturale ma soprattutto di natura economica e sociale. L’aspetto culturale risale alla considerazione che si ha della persona umana. L’articolo 1 della Costituzione Italiana recita “l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”. E’ una concezione ideologica che produce un tipo di cultura poiché fonda la Repubblica su una “funzione”, il lavoro, anziché sulla persona umana. L’uomo è primario rispetto al lavoro. Il lavoro è per l’uomo e non l’uomo per il lavoro dice Giovanni Paolo II°. Nello sviluppo sociale ed economico del popolo italiano la persona umana è stata spesso culturalmente considerata un elemento secondario e non primario, uno degli elementi e non il soggetto dello sviluppo. Da questa considerazione costituzionale nasce e si sviluppa il concetto secondo il quale la persona vive se ha una funzione nella organizzazione economica della società civile. Un figlio può essere abortito per problemi economici, può essere abortito se malato o portatore di handicap. Una persona può chiedere l’eutanasia se malato terminale poiché la realtà culturale e sociale lo fa sentire un peso e un costo per la società. Altro elemento di riflessione sulla situazione della famiglia – ha detto Figorilli -, è l’articolo 29 della Costituzione Italiana che recita” la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”. Il concetto è un recupero dei costituenti sul valore famiglia rispetto al compromesso tra cattolici e comunisti avvenuto sull’articolo 1, e non una condivisione di valore. La società fondata sul matrimonio tra uomo e donna come fatto secondo natura e di valore religioso. Tante argomentazioni però stanno fiaccando, distruggendo la famiglia fondata sul matrimonio, poiché la sinistra tutta vuole riconoscere e tutelare “forme di fatto”, “patti di coppia”, matrimoni tra persone dello stesso sesso nonostante la chiarezza costituzionale sulla centralità della famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna. Si vuole prendere atto del mutato costume sociale scaturito dalla considerazione che la persona umana è una “funzione”, se “utile” resta, diversamente può essere allontanata come una qualsiasi altra cosa. Il diritto non può essere ricettore di fatti, di situazioni – ha detto Figorilli -, deve “legalizzare i valori”, come la persona umana e la famiglia, renderli centrali nel sistema della società civile, rendere loro dignità costituzionale. Se si abusa di stupefacenti non si può legalizzarli, se molti rubano non si può legalizzare il furto, se i reati sono molti non possono essere derubricati a non reati per non creare problemi economici e organizzativi alla giustizia. E’ la cultura ideologica libertaria e permissiva del consumo di tutto ciò che soddisfa l’istinto senza morale e senza ragione, che ha trovato alimento nella cultura comunista italiana nel ridurre la famiglia qual è descritta nei numeri dell’ultimo rilevamento dell’Istat. E’ necessario l’impegno di noi cattolici per liberare la famiglia dalla cultura del “benessere”, secondo la quale la famiglia è “felice” se consuma, è necessario liberarla dall’oppressione dello Stato che la considera strumento di consumo di servizi e di beni non durevoli. E’ necessario che lo Stato riconosca la “soggettività” della famiglia, il suo “protagonismo sociale”, artefice della scelta e dell’iniziativa secondo il concetto di “sussidiarietà” coadiuvando la sua formazione e il suo mantenimento. E’ necessario che la politica economica punti verso una società sobria, con interventi a favore della produzione di beni durevoli e non di consumo, come la casa, la sanità, l’istruzione, il risparmio previdenziale, i servizi alla persona e alla famiglia come necessità e non come consumo. E’ necessario che la politica economica dello Stato ricentri i cittadini e la famiglia nel sistema sociale considerandoli non più strumenti di consumo, ma soggetti protagonisti, artefici dello sviluppo della più grande famiglia che è la società civile. Nell’incontro del 1° dicembre si tratterà il tema: “Legge Biagi e mercato del lavoro. Centralità o ideologia.”

Nazzareno Figorilli

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2019 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrà sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche