Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

TRE POESIE IN VERNACOLO DI NICOLA ZITELLI

      

   

Antologia

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Poesia di:

Nicola Zitelli


Fervido compositore in romanesco, Confratello dell’Ordine Equestre del Grifo Arciere

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2018 Tutti i diritti riservati

TRILUSSA


Poeti dialettali

TRE POESIE IN VERNACOLO DI NICOLA ZITELLI

Fervido compositore in romanesco, Confratello dell’Ordine Equestre del Grifo Arciere

(Roma, 30/08/2015)

LA PRIMA

LA REGOLA DE STATO

Amichi...semo stati condannati
a crede a la cecala e a la formica,
una che gode e l' antra che fatica:
co 'ste fregnacce, cianno buscherati.

Mo, va l' acqua pe l'orto a chi è scafato    (1)
e campa tutto er tempo da cecala,
la grana se la magna o se la sciala
e, magara, fa puro l' incazzato.

Chi, pe tutta 'na vita, s'è smazzato,
sparagnanno mattoni su mattoni,
levannose de bocca li bocconi,
a la fine, viè puro spernacchiato.

Dovressero cammià programmi, a scola,
perché pare 'na regola de Stato
che, oggiggiorno, viè santificato
chi è più impunito, sfaticato e…sola.   (2)

Note

(1) scafato: smaliziato.
(2) sola: imbroglione.

LA SECONDA

PARTITI

Oramai, li partiti so' 'na fogna:
'n' ammucchiata de ladri e zoccolone,     (1)
incaforchiati dentro a un carderone 2)
indove er più pulito cià la rogna.

Er capintesta è sempre er più carogna    (3)
o, magara, er più peggio cellacchione,    (4)
assatanati pe aggranfià er mammone,    (5)
senza provà 'n'antìcchia de vergogna.     (6)

Cento vorte più zozzi e mascarzoni
de li rubbagalline, carcerati
perché nun cianno riccommannazzioni.

Ma un popolo, sfessato e vortafaccia,
de leccaculi, polli e smidollati,
li va a votà pe fasse sputà in faccia.

Note

(1)   zoccolone: in dialetto significa ignoranti...ma ognuno può dare l'interpretazione che   crede... pareri personali.
(2)   incaforchiati: nascosti, gelosamente, in un gruppo.
(3)   er capintesta: il capo riconosciuto.
(4)   cellacchione: massimamente stupido, un pupazzo.
(5)   mammone: il malloppo, i quattrini.
(6)   'n'antìcchia: una quantità minima, infinitesimale.

 

LA TERZA

VAGHE STELLE DE L' ORSA

Era  'n capolavoro de serata :

soffiava un ponentino roffianello

e, sotto a l' angeloni de castello,

'na coppia spasseggiava abbraccicata.

Er celo, come ar solito, ber bello,

se stava a rabbujà pe la nottata

che, messa 'na mantìja diamantata,

lo strapuntava de luccicarello.

Lei, tutt'a 'n tratto, cominciò a discore :

Guarda com' è stellato l' infinito,

    chissà 'ndòve starà l'Orsa Maggiore…

Ma, nun me  da' er pilotto, Santopadre       (1)

    J'arispose er marito, inviperito

Mo, puro qua...me parli de tu madre ?

Note

(1)...dà er pilotto : assillare, tormentare – Il pilotto è l'arnese appuntito che serve a lardellare la carne.


Nicola Zitelli

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2018 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrà sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche