Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

NICOLA ZITELLI CANTA UNA ROMA DIVERSA DA QUELLA ODIERNA

      

   

Antologia

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Poesia di:

Nicola Zitelli


Rilevanti la vena poetica e il sentimento dell’Autore

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2019 Tutti i diritti riservati

NICOLA ZITELLI


La Poesia in vernacolo

NICOLA ZITELLI CANTA UNA ROMA DIVERSA DA QUELLA ODIERNA

Rilevanti la vena poetica e il sentimento dell’Autore

(Roma, 10/10/2015)

Ottobbrata romana        

           (due sonetti simmetrici)

 

                                               I

               Quanno la luna, a Roma, se inargenta,

               le làmpene se affiàreno, a millanta;1)

               la sera, co la notte se apparenta

               e, er celo, co le stelle, ce se ammanta.

 

               La corente der fiume, fiotta lenta,

               scaròccia, sfruscia e sguìzzola che incanta

               e un odore servatico de menta 3)

               se mistica co l'uva appena sfranta.4)

 

               Ner celo, acquarellato de turchino,       

               scarosèlleno l'ale de li storni,

              a cavacècio ar vento ballerino 5)

 

               e smulinanno, pàreno, da tera,

               ghirigori de maggichi contorni: 6)

               fatate ombre cinesi, ne la sera.

                         NOTE

 1 -...le làmpene...: le lampade s'accendono, a migliaia.

  2 -...scaroccia...: i rumori dell'acqua che scorre.

  3 -...un odore: il profumo silvestre.

  4 -...se mistica...: si mescola all'odore dell'uva, appena schiacciata.

  5 -...a cavacècio: a cavalcioni sulla schiena.

  6 -...ghirigori: fantasie.

 

                                               II

               La fiaccola der sole già s'è spenta,                     

               un grillo innammorato se la canta,

               và cor bemollo e spera che lei senta 1)

               'gni nota che ner vento ce s'è spanta.2)

 

               Er barbaggianni gufa e se lamenta,

               ne lo scuro de l'Appia, a l'Acqua Santa; 3)

               se vede che un amore lo tormenta:

               fa er controcanto ar grillo e nu' la pianta.

 

               Peccato che m'amanchi un mannolino 4)

               pe fà 'na serenata a lei, che torni,

               come sa fà quer grillo canterino

 

               e ar core mio nu' resta, pe stasera

               che mettese a contà sì quanti giorni

               dovrà patì, pe 'n' antra primavera.

 

   Pubblicata su: Quaderno di Poesia Dialettale – N° 7 – Anno 2011

   Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali.

                          NOTE

 1 -...và cor bemollo: oltre che l'abbassamento di un semitono, significa anche con grande delicatezza.

 2 -...'gni nota...: ogni nota dispersa nel vento

 3 -...Acqua Santa: località sulla via Appia a 4 km. da S.Giovanni.

 4 -...che m'amanchi: che mi manchi.

                                                                                                       19/11/2011.

                                                                                             ( CCCXIV - § )

 

                             Sostiene Trilussa

 

               Trilussa, ch'è Trilussa, lo diceva

               ch'er baillamme che chiameno...er progresso,1)

               pe Roma è remissione, perché spesso,

               co 'na mano arigala e, co dua, leva.

 

               Ce se campava mejo, infino a ieri,

               puro senza er progresso, damme retta,

               perché ha costretto a batte la bainetta 2)

               e ha scancellato un frego de mestieri.

 

              'Sto prezzo, l'ha pagato er sampietrino,3)

               armato de petrojo e padellone                          

               che allumava 'gni notte er Cuppolone,4)

               San Giovanni, er Velabbro o er Palatino;

 

               guarda che fine ha fatto er barozzaro,5)

               o la finaccia de li nevaroli,6)

               bastari, barcaroli, stufaroli,

               der maniscarco o l'acquacetosaro,7)

 

               Qui, a Roma, ce l'avemo sotto l'occhi,

               una scialata de madrenatura:

               la grascia, finché dura, fa verdura 8)

               mica un progresso a ciceri e bajocchi! 9)

 

               Er miracolo, a 'sta città affatata,

               je penne ar collo, come un abbitino: 10)

               a Roma, abbasta solo er ponentino

               o lo svampà, ponzò, de 'na calata...11)

 

               e, come allonga l'ombra a li lampioni,

               fra e' lusco e 'r brusco, pare da vedelli:

               sor Capanna che canta li stornelli,12)

               co 'na cricca d'amichi bontemponi.

 

                        NOTE

  1 -...er baillamme: la confusione.

  2 -.. batte la bainetta: fare la fame

 3 -...er sampietrino: operaio addetto alla manutenzione della basilica di san Pietro.

 4 -...che allumava: che illuminava con grossi padelloni riempiti di cera o di sego e grossi stoppini.

 5 -...barozzaro: barocciaio.

 6 -...la finaccia de li nevaroli: la sparizione dei nevaroli, coloro che

  rifornivano di neve le ghiacciaie delle dimore signorili

 Nevaroli e neviere esistevano dai tempi dell'antica Roma.

 7 -...acquacetosàro: venditore ambulante di acqua minerale; è il nome di una sorgente, alle porte di Roma, chiamata Acqua Acetosa.

 8 -...la grascia...: l'abbondanza, fino a quando dura, è molto utile.

9 -...a ciceri e bajocchi...: le bazzecole, illusorie, di un falso progresso.

10 -...abbitino: piccolo reliquiario personale che si portava appeso al collo.

11 -...lo svampà ponzò...: la vivida fiammata di un tramonto.

12 -...sor Capanna: Pietro Capanna, celebre cantastorie romano.

 

                                                                                                         02/06/2001.

                                                                                                    ( CVIII - § )

 

               Torino, 1847 – Er canto de l'italiani

( due sonetti )

( Dal racconto del patriota e poeta Carlo Alberto Barrili )

                                                I

               Fu ner quarantasette e fu a Torino,

               a casa de Valerio, lo scrittore,1)

               quann'arivò, da Genova, Borzino,2)

               un nome de cartello, un gran pittore.

 

               Smicciò a l'intorno, prese un goccettino,

               eppoi s'avvicinò a un compositore: 3)

           -- Tiè -- Je disse e je dette bijettino              

           -- Co tanti comprimenti da l'autore...

 

               se tratta de Mameli, quer Goffredo...4)

               de certo l'avrai inteso, da poeta:

               ha scritto un canto...che me pare un Credo.

 

               E' un inno distinato a chi stravede

               pe l'unità d'Italia: 'na cometa,

               come quela che illumina la fede.--

 

                         NOTE    

 1 -...lo scrittore: si tratta di Lorenzo Valerio (To 1810 – Me 1865).

 2 -...Borzino: Giac. Ulisse Borzino, pittore genovese (Ge 1820 – Mi 1906).

 3 -...a 'n compositore: era il musicista Michele Novaro (Ge 1818 – 1885).

 4 -...Goffredo Mameli dei Mannelli: poeta, patriota (Ge 1827 – Rm 1849).

 

                                               II

               Novaro, a casa sua, fece chiarina 1)

               e d'antro canto, ne varze la pena:

               pe musicà quer canto, a la sordina,2)

               nun s'era mai sentito accosì in vena;

 

               passò tutta la notte a testa china

               a immagginà un' Italia a la catena

               che, schiava e a la capezza, in pantomina,

               s'aribbella, la sfragne e se scatena.3)

 

               L' Italia che fedele a Roma e fiera,

               de 'n cammino stracarico de gloria,

               se strìgne tutta attorno a 'na bandiera 

 

               pe dimostrà a li quattro scarzacani 4)

               che pe grana arinnegano la storia,

               de che stoffa so' fatti l'italiani.

 

                         NOTE

 1 -...fece chiarina: passò la notte in bianco, senza dormire.

 2 -...a la sordina: in segreto, di nascosto.

 3 -...sfragne: rompe, fracassa.

 4 -...scarzacani: gente male in arnese.

 

                                                                                                       21/10/2011.

                                                                                              ( CCCVIII - § )


Nicola Zitelli

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2019 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrà sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche