Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

ORMAI LA SOCIOLOGIA MILITARE LA SCRIVONO I GOVERNI

      

   

Editoriali

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Commento di:

C. SARCIA'


Storia, Impressioni, Previsioni a margine del Decreto legislativo n.94/2017

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2019 Tutti i diritti riservati

LA BANDIERA GARRISCE AL VENTO


Il Punto del Direttore sulla “I” di Informazione

ORMAI LA SOCIOLOGIA MILITARE LA SCRIVONO I GOVERNI

Storia, Impressioni, Previsioni a margine del Decreto legislativo n.94/2017

(Sant’Elena nell’Umbria RI, 24/06/2017)

Oggi ho preso visione del Decreto Legislativo 29 maggio 2017, n. 94. Disposizioni in materia di riordino dei ruoli e delle carriere del personale delle Forze Armate, ai sensi dell'art. 1, comma 5, secondo periodo della Legge 31 dicembre 2012, n. 244. G.U. Serie Generale n. 143 del 22-06-2017 - Supplemento Ordinario n. 29. 
Come anni fa avvenne alla RAI, pensate, con il decreto legislativo di cui sopra tutti gli Ufficiali diventano Dirigenti ed anche i Marescialli Comandanti di Plotone. Ognuno firma gli atti di sua competenza e se ne assume le responsabilità. Sembra tutto normale. Infatti il nostro è da tanto che è diventato un Paese Normale.
Ma cosa ci vede un vecchio Fante di Terra come me in tutto questo? 
1) ci vedo la fine della disciplina militare; 
2) ci vedo casino, confusione, errori, accavallamento di ordini, conseguenze psicologiche nei confronti dei sottoposti, possibilità di incidenti anche mortali a causa di scarsa chiarezza degli ordini e poi follia, schizofrenia e tanto altro ancora; 
3) ci vedo la fine del contratto nazionale per il Comparto Sicurezza, per quanto attiene all'aggiornamento degli stipendi. Gli Ufficiali Inferiori, gli Ufficiali Superiori ed i Maresciali, trasformati con un colpo di bacchetta magica in Dirigenti, non beneficeranno più di questa operazione filo sindacale. 
I Dirigenti sono stati sempre sganciati dal Contratto Nazionale e questa nuova situazione aumenta a dismisura il vertice della piramide, senza alcuna ragione che interessi il miglioramento della capacità difensiva delle Unità e senza motivazioni tattico-strategiche. I gradi militari, le funzioni e gli incarichi servono per organizzare la disciplina e i compiti e per stabilire chi comanda in pace e in guerra, in guarnigione e in zona di operazioni. Mia suocera diceva bene: Tanti galli a cantare non si fa mai giorno. Diventare Dirigente non significa ottenere aumenti di stipendio incondizionati, al contrario significa stipendi fermi, bloccati, appiattimento. Quindi, un ulteriore subdolo sistema con cui il Governo continua a risparmiare sulla pelle delle Forze Armate. Ormai la Sociologia Militare la scrivono i Governi, coi loro Ministri della Difesa, degli Interni e soprattutto delle Finanze. Era una vita che il PCI ci provava ad esautorare del tutto i Quadri militari. Prima i Carabinieri separati dall'Esercito e trasformati in Forza Armata autonoma. Poi l'operazione scioglimento del Corpo Forestale, che è stata un atto necessario, voluto dalla Storia e finalmente attuato (chi ha orecchie per intendere, intenda). Questo del decreto legislativo infine è un altro passo significativo che si aggiunge al completamento del disegno che punta a trasformare le FF.AA. in un'accozzaglia di svizzerotti travestiti da guardie municipali. Il decreto passerà alla storia come un provvedimento di spending review. Sono anni infatti che i Governi perseverano nel tagliare gli stanziamenti in favore della Difesa e nel bloccare gli stipendi del comparto sicurezza. Mi sovvengono i discorsi, le note, le conferenze del Generale del Corpo di Amministrazione Caporaso, un tecnico di alto livello, che a proposito di Bilancio Difesa non faceva altro che parlare di forbici e di sforbiciate. Era l'Anno di Grazia 1994. Gente che sta in prima linea, che rischia la vita e che talvolta muore senza altre garanzie che quella della casualità e della fortuna. Personalmente penso che la molla che li spinge a distruggere le FF.AA. nasce soprattutto dalla paura. Vedere un Comandante che con un comando secco muove centinaia o migliaia di uomini, di mezzi, di armamenti, non è uno spettacolo da stare tranquilli. Chi non è militare e non c'è abituato, penso che se la possa anche fare addosso o, a seconda dei casi, che gli si possano stringere gli orifizi che corredano il corpo umano. Ciò è possibile che accada maggiormente quando si ha il carbone bagnato, quando cioè si sa nel proprio intimo che si sta facendo del male, tanto male, ad una categoria della quale neanche la Svizzera, neanche il Vaticano ha mai pensato di privarsi. Le Forze Armate per un Paese sono come il catenaccio della porta di casa, che la sera si serra per difendersi dalle visite non gradite. L'avete vista il 2 giugno scorso la Signora Boldrini in tribuna? Mentre tutti applaudivano, lei è rimasta bloccata, pietrificata davanti al Reggimento Paracadutisti della Folgore che sfilava coperto di gloria e dei tanti successi che hanno fatto grande la Patria e la Nazione intera. L'adagio Chi la fa l'aspetti... non è stato ancora rimosso dal politically correct e quindi chi propone e adotta misure sempre più restrittive per le FF.AA. lo conosce, quindi tira il sasso e nasconde la mano e poi aspetta di vedere di nascosto l'effetto che fa. Prevedo che prima o poi daranno anche l'ordine di sostituire le armi coi manganelli. Costano di meno e non abbisognano di munizioni. Tanto all'Ordine Pubblico ci penseranno le Risorse Africane.


 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2019 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrà sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche