Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

NOVE SONETTI DI NICOLA ZITELLI

      

   

Antologia

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Poesia di:

Nicola Zitelli


Per gentile consessione del Gen. Massimo Iacopi Reggente Ass. Grifo Arciere

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2018 Tutti i diritti riservati

VERSI ROMANESCHI A MARGINE DEL RADUNO


Poesia Verenacolare Romanesca

NOVE SONETTI DI NICOLA ZITELLI

Per gentile consessione del Gen. Massimo Iacopi Reggente Ass. Grifo Arciere

(Roma, 23/04/2018)

 

 

I PIU’ RECENTI  SONETTI IN VERNACOLO ROMANESCO

DEL POETA NICOLA ZITELLI

 

PRIMO

Er pranzetto de Pasqua

Un antipasto co la soppressata, 1)
preciutto de cignale, corallina, 2)
mortadella, salame, ventricina, 3)
capocollo e pancetta affumicata.

Rigatoni cor sugo de pajata, 4)
tortellini ner brodo de gallina,
eppoi conìjo, coda de vaccina
e faraona arosto sgaloppata. 5)

'Sto pranzo, a Giggi, pare naturale...
ma me pare sortìto de cervello 6)
quanno se intìgna a facce la morale: 7)

me sona tanto strano, sai perché ? 8)
Ché, pe sarvà un abbacchio dar macello,
ha sterminato un'Arca de Noè.


1 -...soppressata: tipico salume meridionale con una varietà toscana.
2 -...corallina: salame umbro.
3 -...ventricina: salume tipico della zona di confine tra Abruzzo e Molise.
4 -...pajata: specialità romana - intestino tenue di vitello da latte.
5 -...sgaloppata: disossata e tagliata a fettine, scaloppata.
6 -...sortìto de cervello: fuori di senno.
7 -...se intìgna: si ostina.
8 -...me sona tanto strano: non mi sembra logico.

SECONDO

L' appuntato

Guardavo a la tivvù...CARABINIERI
e poi, la notte, me lo so' inzognato
che pomiciavo, spesso e volentieri,
co la Arcuri, vestita da appuntato.

Nun dico che proggetti battajeri
e quanto ciangottavo accalorato 1)
ma, più arzigogolavo li penzieri
e più m'aritrovavo assatanato. 2)

Ma tu, gnentedemeno, te figuri...
che bruciacore e quanta ingrufatura, 3)
a intanàsse co Manuela Arcuri ?...4)

Peccato che nun c'era,
né tutta ignuda, né co la montura, 5)
quanno che me sonò...l' arzabbandiera....

1 -...ciangottavo: balbettavo.
2 -...m' aritrovavo...: mi infervoravo, come un dannato.
3 -...che bruciacore...: quanto affano e quanta eccitazione.
4 -...a intanasse: appartarsi.
5 -...né co la montura: nemmeno in divisa.

03/10/2017.
( DCXVII - § )

TERZO

'N'antìcchia de fortuna *

Che la fortuna è ceca, è risaputo, 1)
ma annasse sottobbraccio co la jella
che ogni bona azzione je scancella,
l'ho sospettato e, forze, antiveduto. 2)

Si la fortuna dice...benvenuto,
la jella, senzameno, te martella
e t'aggranfia, fino a la coratella, 3)
appena che te stenni sur velluto. 4)

Pe corpa de 'sta jella raffacana, 5)
aripenzo a la vita ch'ho vissuta,
buscànno acciaccapisti de buriana 6)

ma, puro si 'sto quadro pare agro, 7)
io...'na botta de culo, ce l'ho avuta: 8)
fu quanno me so' rotto l'osso sagro !

* 'N'antìcchia: una briciola.

1 -...ceca: in dialetto, senza la i.
2 -...antiveduto: capito, intuìto.
3 -...e t'aggranfia: ti artiglia nel profondo delle viscere.
4 -...sur velluto: appena ti distendi, senza pensieri, in una vita invellutata.
5 -...raffacana: miserabile.
6 -...acciaccapisti: botte da orbi (tuoni e lampi di tempesta).
7 -...quadro: descrizione.
7 -...agro: aspro, duro.
8 -...'na botta de...: un colpo di fortuna...in romanesco DOC.

16/09/2017.
( DCVIII - § )

QUARTO

Pe' me...er dialetto

E' la voce der vive cotidiano
ch'è 'na goduria pe l'alletterato
e più spiccio pe' chi nun ha studiato:
è un parlà famijare, più...a la mano.

Rimarca er saputame popolano, 1)
magara rugantino o scanzonato, 2)
così come l'avemo ereditato,
pe raggionà e capì cor core in mano.

'Na lingua antica, pe mentovasse che 3)
se po' spappardellà senza sbrasate: 4)
è 'na matrona ma...in disabbijé.

E' questa la bellezza der dialetto
che, senza ciancicà ciceronate, 5)
te parla a tuppertù, schietto e diretto.

1 -...rimarca...: evidenzia la sapienza popolana.
2 -...rugantino: permaloso, fumantino.
3 -...pe mentovasse: per ricordare a se stessi.
4 -...spappardellà : discorrere all'infinito senza intemperanze.
5 -...ciancicà...: lett. masticare – ostentare cultura.

24/09/2017

QUINTO

Quanno ce vò, ce vò ! (due sonetti )

Cari politicanti che arubbate 1)
co sfreggio, spòcchia e co’ canajeria, 2)
le speranze, er futuro e l'alegria
(òrtre che li quatrini...a cappellate)

io penzo che, si ancora ve sarvate,
dovete benedì la polizzia:
regazzi, padri e madri de famìa, 3)
pronti a rischià, pe voi, le schioppettate.

Che scenufreggio, quanno v'atteggiate 4)
a vitelloni de periferia, 5)
campioni de magagne e sceneggiate

o, peggio ancora, quanno v'attrippate
a la faccia de chi sta in carestia.
Dìteme un po': ma nun ve vergognate ?

1 -...Politicanti: parolai.
2 -...sfreggio...: disprezzo, alterigia e incoscienza.
3 -...famìa: contrazione per famìja : famiglia.
4 -...scenufreggio: scempio.
5 -...lumaconi: seduttori da strapazzo.

II°


Politiconi, lòffi e smidollati, 1)
padroni de 'sto popolo fregnone
che nun ha mai sfruttato l'occasione
d'arinzerravve ar gàbbio, carcerati; 2)

milordi, senatori e deputati 3)
che ciavete schiaffato in ginocchione...
com'è che nun se àrza un pecorone
a dìvve che se semo scojonati ?

Chi se fa “Trota” e chi se fa mandrillo, 4)
chi truffa, chi sgranfìgna o chi rapina
e nisuno che penzi da punìllo.

Si nun v'abbasta er core, pe capìllo, 5)
ar posto de la sveja, 'na matina,
ve svejerete cor crì-crì...der grillo. 6)

1 -...Politiconi...: maneggioni, subdoli e senza cervello.
2 -...d' arinzerràvve...: di rinchiudervi in galera.
3 -...milordi: sarcasmo per : signori.
4 -...Trota...: soprannome del figlio di Bossi.
5 -...er core: il coraggio.
6 -...crì-crì: allusione al movimento di Beppe Grillo.

SESTO

Quattro verzi

Abbasta quarche verzo e, 'na poesia,
fa dindonà li pàrpiti der core: 1)
è un cinichetto de la vita mia, 2)
acconnito cor sugo de l'amore. 3)

Un fojo bianco, su 'na scrivania...
'na penna che ciannaspa co timore
ma onestamente, senza mifferia, 4)
sur fojo che je fa da confessore.

Solo accosì la gioja o l'arbaggia,
l'assillo, lo scontento o la dorcezza,
se ponno straformà in filosofia. 5)

Ma, pe 'na svojatura d'aria fresca, 6)
e gode de un'antìcchia d'alegrezza, 7)
scrivo un sonetto in lingua romanesca.

1 -...dindonà: come il suono di una campana.
2 -...cinichetto: pezzettino.
3 -...acconnito: condito.
4 -...mifferia: falsità.
5 -...straformà: metatesi per trasformare.
6 -...'na svojatura: un improvviso desiderio.
7 -...un' antìcchia: un pizzico.

SETTIMO

Quer majoncino a scacchi.... DEDICATA a MIO PADRE....

Quer majoncino a scacchi che portavi
quanno hai fatto cent’anni, ce l'ho ancora 1)
ma, chi l'avrebbe detto, propio allora
che, doppo quattro mesi, te n'annavi ! 2)

Parevi un pizzangrillo: chiacchieravi 3)
co la solita vena incantatora 4)
e 'n occhio a la semenza fijatora, 5)
ner mentre, co noantri sciampagnavi. 6)

Sapessi quante vorte me ce strigno 7)
ma, più er cortello scarca la ferita, 8)
più me ce accoro, soffro e me ce intigno. 9)

Quanno che intuzzi contro la reartà, 10)
hai voja de ciancià: così è la vita...
l'amore dura pe l'eternità.

1 -...hai fatto: hai compiuto – confidenziale.
2 -...te n' annavi: cessavi di vivere.
3 -...pizzangrillo: figurat. - per dire vivace e molto giovanile per la sua età.
4 -...incantatora: ammaliante, da conversatore interessante
5 -...semenza fijatora: ai frutti del seme familiare, alla numerosa parentela.
6 -...sciampagnavi: festeggiavi a champagne.
7 -...me ce strigno: lo indosso, sentendomi abbracciato.
8 -...scarca...: affonda e scarnisce la ferita.
9 -...più me ce accoro...: più mi addoloro, soffro ma insisto.
10 -...intuzzi: sbatti il muso.

OTTAVO

Seppie e piselli, a la romana

Spellecchiate le seppie, risciacquate 1)
e, appresso, le tajate a listarelle,
magara tutte a paro, mezzanelle, 2)
anche p'er gusto d'esse rimirate.

Arosolate l'ajo in der tigame,
co un goccio d'ojo, estra naturale
e s'arza 'no sprofumo eccezionale
che, solo pe annasallo, ve viè fame.

Mo, calate le seppie, co l'erbetta 3)
fresca e tritata fina, pepe, sale
e un sospiro de bianco da un bucale, 4)
così come commanna 'sta ricetta,

eppoi, co l'acqua de 'no sgommarello, 5)
allongate er guazzetto e la fiarata: 6)
dev'esse tanto bassa e...ammusicata 7)
cor tigame che inzorfa un fiottarello. 8)

A parte, fate coce li piselli,
co l' ojo e la cipolla, fina fina
e, appena 'sto mischietto se cucina,
se faranno ammarviti e tenerelli 9)

e, appena che le seppie hanno sugato
tutto er brodetto e se so' intenerite,
mischianno li piselli, le arricchite
e servirete un piatto prelibbato.

Un conzijo d'amico: io ce metto,
in fonno ar piatto, un trancio de bruschetta
così, a la fine, faccio la scarpetta,
cor pane già azzuppato in der sughetto.

1 -...spellecchiate: togliete la pelle.
2 -...mezzanelle: di una giusta misura.
3 -...erbetta: prezzemolo.
4 -...sospiro: misura di un decimo di litro, in questo caso, di vino bianco.
5 -...sgommarello: ramaiolo.
6 -...fiarata: fiamma.
7 -...ammusicata: una fiammella intonata alla musicalità....del tegame.
8 -...che inzorfa:che ìstiga un piagnucolìo...prolungato.
9 -...ammarviti: appassiti.

NONO

Stinchi de santo *   (sonetto caudato )

Er pagnottista incenza san Sfonnino, 1)
assieme a santa Scrocca e san Strozzone;
così, ar mandrillo, aggarba san Mucchione
e ar beccaccione...sempre san Martino. 2)

'Gni balucano, adora san Lumino, 3)
'no stramicione invece, san Fasone 4)
mentre er magnaccia sceje san Magnone 5)
e ogni invelenito, san Fumino.

A l'impiegato abbasta san Pagazzio,
er poveraccio cià san Bisognino
e chi è accorato prega santo Strazzio; 6)

er cannarone scoccia san Crepazzio,
chi è scordarello onora san Guercino,
chi sbanca a l'Enalotto...san Culazzio...

ché, pe nun pagà dazzio, 7)
quanno li preti stavano ar governo,
se smoccolava solo un santo “esterno”. 8)

* Santi della fantasia popolare romanesca.

1 -...pagnottista: chi mangia a sbafo.
2 -...san Martino: 11 novembre, Roma, notissimo protettore dei cornuti.
3 -...balucano: fortemente miope.
4 -...san Fasone: dal modo di dire francese “senza formalità”.
5 -...magnaccia: sfruttatore di donne.
6 -...accorato: lett. straziato con un colpo al cuore.
7 -...pe nun pagà dazzio: per non incorrere in pesanti sanzioni...
8 -...esterno: non annoverato tra quelli veri – di fantasia.

 

PER GENTILE CONCESSIONE DEL GENERALE DI DIVISIONE MASSIMO IACOPI - ASSISI - REGGENTE DELL’ASSOCIAZIONE “GRIFO ARCIERE” CHE RAGGRUPPA COMPONENTI DI OGNI GRADO DELLA SPECIALITA’ CONTRAEREA DELL’ARTIGLIERIA ITALIANA.


Nicola Zitelli

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2018 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietą artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrą sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche