Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

TRE SONETTI IN ROMANESCO

      

   

Antologia

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Poesia di:

Nicola Zitelli


Le più recenti Composizioni del Poeta Nicola Zitelli

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2020 Tutti i diritti riservati

C’ERA UNA VOLTA LA STILOGRAFICA


La Potenza del Vernacolo

TRE SONETTI IN ROMANESCO

Le più recenti Composizioni del Poeta Nicola Zitelli

(Roma, 21/10/2020)

TRE SONETTI IN ROMANESCO
DI NICOLA ZITELLI

Er quadretto de Sartorio *

Da Leo Calò, l'anticajaro, ar Ghetto,
c'è un quadretto de Aristide Sartorio:
Li du' minenti - lui, su un fardistorio, 1)
lei in piedi, accanto, co 'na rosa in petto.

Sur fonno se intravede la campagna,
l'archi de l'acquedotto Alessandrino,
du' bovi, quarche pecora, un vannino 2)
e 'na marana, verde d'acqua stagna.

Lui, er minente co tanto d'orecchino,
me pare, a occhi' e croce, Canemozzo,
pe via de la fossetta in sur barbozzo 3)
poi, dico, è “Giggi er moro” e m'avvicino

e grazziaddìo, stavorta, ciariesco
a dì che nun è Giggi Massimiani,
“Re“ de li zampognari anticolani
ma è Belisario, de Saracinesco.

Co lei è più facile toppà, margrado 4)
così ... a naso, sìi Marietta Del Frate
ma, co quele scioccàje incorallate, 5)
po esse Nena, de Anticoli Corado.

La migragna fonnò 'sta tradizzione: 6)
la Fornarina principiò er mestiere
de modella, ar pittore forastiere
che immortalava o Roma o er Teverone. 7)

E fu pe un aquilino der pittore 8)
che 'sta riccetta fu accosì pazziente,
a fà la finta moje der minente,
impimpinata in posa pe un par d'ore.

Bella mora infasciata 'ndè lo scialle
che pari appitturata da un poeta,
co li pompò che brìlleno de seta
e la vermìja rosa de percalle,

de 'sto passo, poi esse chissesìa !
Tàjo la testa ar toro, pare chiaro,
fo' er pianto grego co l'anticajaro,
me fa 'no sconto ... e venghi a casa mia.

* Giulio Aristide Sartorio, uno dei più eminenti rappresentanti
del gruppo dei cosiddetti “ XXV pittori della campagna romana ”.

1 -...li du' minenti: minente è il popolano benestante.
2 -...un vannino: un puledro.
3 -...in sur barbozzo : sul mento.
4 -...toppà: sbagliare.
5 -...scioccàje incorallate: vistosi orecchini, pendenti, di corallo.
6 -...pe migragna: dalla miseria.
7 -...er Teverone: l'Aniene e, in senso lato, tutta la valle
8 -...aquilino: la moneta d’argento da 5 lire di Vittorio Emanuele III.

Nomi e soprannomi, citati nella poesia, sono quelli di personaggi realmente esistiti:

“Canemozzo” di Saracinesco, era Virgilio Colasuga, “Giggi er moro” di Anticoli Corrado, era Luigi Massimiani,
“Belisario” di Saracinesco, Alessandro Belisari. Marietta Del Frate, romana, posò per lo scultore e pittore Ercole Rosa che la immortalò nel famoso quadro: La lampada infranta.
“Nena” era Filomena, di Anticoli Corrado.

(*) Luigi Massimiani, “Giggi er moro” (1850-1936) era il più bravo tra gli zampognari. Vincitore del primo premio al veglione natalizio del Teatro Costanzi, nel 1870, fu invitato, ogni Natale, per quindici anni consecutivi, a suonare questo strumento a corte, dinanzi alla regina Margherita che lo compensava, ogni volta, con cento lire. Posò per Maccari e per Giulio Aristide Sartorio.

N.B.: Il quadro “ Li du' minenti ” non solo NON E' di Giulio Aristide Sartorio ma non è mai esistito. La storia raccontata nella poesia è solo frutto di studio e di fantasia.

Bibliografia:
Augusto Jandolo - Studi e modelli di via Margutta - Casa Ed. Ceschina - Milano - 1952.
G.Franco Tannozzini - Le modelle della campagna romana - Schemadue Ed.- Roma 1998.

Morti de fame

Pe mette in fila tutte le vergogne, 1)
nun abbasta 'na pila de brojacci, 2)
perché, se sa, che ce so' solo rogne,
quanno governa un branco de pajacci

che, si nun so' mafiosi, so' carogne,
vortagabbana, ladri e michelacci, 3)
smargiassi pronti a caccià fora l'ogne, 4)
massimamente co li poveracci.

Morti de fame che, a l'opposizzione,
fanno er diavolo a quattro, la cagnara 5)
o er pianto greco, arzànno er porverone

ma, come che je va l'acqua pe l'orto, 6)
se strafògheno puro la cucchiara, 7)
fino a quanno aribbotta er boccaporto. 8)

1 -...pe mette in fila: per raccontare, per elencare.
2 -...'na pila...: una risma di carta per le brutte copie.
3 -...michelacci: oziosi, fannulloni.
4 -...ògne: unghie.
5 -...cagnara: strepito, latrato di mute di cani.
6 -...va l'acqua...: arriva la fortuna.
7 -...se strafògheno...: ingozzano anche la cazzuola (usata per cucchiaio).
8 -...fino a quanno....: fino a quando non si colma la botola che immette
nella stiva della nave (pozzi senza fondo).

Nonni

Sopra ar Gianicolo, da 'na panchina,
du' vecchierelli strilleno accorati 1)
a un par de nepotini scatenati
che da un par d'ore fanno la manfrìna. 2)

-- Saranno tanto cari li nepoti --
fiottava er nonnetto caschepenne, 3)
a occhi' e croce arcinovantenne,
-- E noi semo li servi più devoti.

Questi sò nati co 'na bona stella,
oggi, ogni pupo nasce già servito
mentre er nonno fa er ballo de san Vito: 4)
er borotarco pe la sudarella,

faje er bagnetto ne la bagnarola,
lavaje, dar culetto, la cacchina,
accompagnalli ar nido la matina,
intrujà le pappette in cazzarola,

arzalli, mille vorte, da pe tera,
cammià la bavarola e 'r fasciatore
e core trafelati dar dottore,
metteli a fà la nìnna, quann' è sera,

trità la frutta co la grattacacia,
svotà e sciacquà er zipeppe, quann' è pieno … 5)
fìji e nepoti: in un battibaleno
caschi da la padella in de la bracia !

Ma tiramo a campà, chissenefrega
mo, sò li fìji a falla da padrone
e a noi nonni ce fanno escì er pallone: 6)
er legno ammorgia sempre co la sega. 7)

Fatteconto, oggi: è un giorno de riposo
perché l'urtimo sabbato der mese
vèngheno l'àntri nonni dar paese …
e invece è 'n àntro giorno fastidioso,

sarebbe a dì a pedagna sott'ar sole
p'annà ar teatro de li burattini
co 'na pipinara de regazzini 8)
e un baillamme de strilli e de parole.

Scusateme lo sfogo, caro amico,
quanno ce vo', ce vo', questo è 'n casino:
qui ciariccojeno cor cucchiarino,
contuttoché ar mi' fijo je lo dico

ma, come ponno fa', tra impegni e inviti … --
E' a 'sto punto che sbotta nonna Rita:
-- Dìmo che vonno fa' la bella vita,
su le spalle de noi rincojoniti ! --

S'arza in piedi e guardanno fitto in viso
un martire sparato dar papato
scorpito dentro a un marmo smozzicato,
j'abbozza una specie de soriso,

poi s'appoggia tra er busto e la cimasa
come si je dicesse, in de l'orecchi:
-- La guera ... la dovemo fa' noi vecchi
contro li Papi-Re che stanno a casa ! --

1 -...accorati: straziati.
2 -...la manfrina: capricci tanto vezzosi quanto...interessati.
3 -...fiottava: piagnucolava, si lagnava insistentemente.
3 -...cascheppenne: casca e pende...di equilibrio precario...
4 -...er ballo de san Vito: persona che non sta mai ferma.
5 -...er zipeppe: grande vaso da notte a due manici.
6 -...er pallone: l'ernia scrotale.
7 -...ammorgia: deve sempre cedere alla sega.
8 -...pipinara...baillamme: moltitudine, confusione.


Nicola Zitelli

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2020 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrà sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche