Questo sito utlizza cookie. Consulta Privacy policy e Norme generali ACCETTA cookies minimi per navigare.

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

COMU 'NA PETRA (SIMILE A UN SASSO)

      

   

Antologia

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Poesia di:

C. SARCIA'


Libera traduzione in dialetto siciliano del poeta Carmelo Sarcią

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2022 Tutti i diritti riservati

VEDUTA AEREA DEL CENTRO STORICO DI RIETI


Cantu (Poesia)

COMU 'NA PETRA (SIMILE A UN SASSO)

Libera traduzione in dialetto siciliano del poeta Carmelo Sarcią

(Rieti, Sep 23 2003 12:00AM)

(Dedicata dall'Autore, Alfio Arcifa, all'amico e conterraneo Nino Di Salvo)

Oh, quantu largasia potti pigghiarimi,
tra ‘u mari e ‘u Muncibeddu, e quanti cosi
senza troppu valuri e senza pisu,
amicu miu, nui spissu nni ’nsunnammu,
tu ca ti sistimasti megghiu ‘i mia,
nni sta terra cc’a fù ppi mia sirbaggia.

Ora ca li pinsera di ’na vita
tornanu arredi e juncinu di cursa,
sugnu cuntentu d’addivisciri i morti,
e mi parissi di stari ccu me patri,
comu quann’era ancora picciriddu,
e n’semmula taliàvamu ‘u Castiddu,
ca chinu ‘nni paria di Paladini,
o comu quannu nui ‘nni ‘ncatavàmu
davanti e’ faragghiuna ’i Pulifemu.

E ‘un mi pozzu scurdari ‘ddi passiati
ca ‘nsemmula ccu ttia mi potti fari,
cc’u cori veramenti spinziratu,
discurrennu di ziti e di prugetti,
di filosofi e di filosofia.

E’ beddu, beddu assai, amicu miu,
d’addivisciri i cosi di ‘na vota.

Ma quannu ‘a faccia s’abbampa e l’occhi chiancinu
e u’ cori t’addiventa nicu nicu,
tu ti‘nni penti d’a to’ dibbulizza.

E allura pensi ch’avissi statu megghiu
d’esseri comu ‘na petra abbannunata
supra un luntanu pizzu di muntagna,
comu n‘a statua d’un Diu ca nunn’esisti;
senz’addunariti ca semu tuttu e nenti,
e semu fatti di pinsera e timuri.

Tradotta in siciliano a Greccio, 6 gennaio 2004 da Carmelo Sarcià

Versione originale in lingua italiana del poeta Alfio Arcifa

Quanto spazio colsi tra l’Etna e il mare e quanti inutili sogni, amico, spesso insieme a te nutrii, te che un più sicuro avvenire lega alla terra che mi fu selvaggia. Ora che lesta preme nostalgia, mi è caro evocare fantasmi, rivedermi piccolo di mio padre al fianco e d’Aci il Castello ammirare d’ombre carico d’antichi guerrieri o l’incanto godere dei faraglioni che un mitico gigante nelle joniche acque fissò eterni. Memorare vorrei quel tempo andato quando, teco passeggiando per via, di tutto parlavo, ma più d’amore, di sogni e di filosofia con tanta pace nel cuore. Quant’è bello sfogliare l’album verde dei ricordi! Ma se tristezza preme, ché spesso l’ombra si abbarbica alla vita, che vale allora evocare i fantasmi? Meglio essere simile ad un sasso che solitario campeggia sul monte, pagano Iddio che sfida pure il tempo, che la beltà e la miseria scoprire di questo nostro corpo d’ansie intessuto e di memorie.

Pag.67 Supplemento al n.2 de “Il Tizzone” Settembre 2003 Rieti Via Amatrice, 40

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2022 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietą artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrą sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche