Questo sito utlizza cookie. Consulta Privacy policy e Norme generali ACCETTA cookies minimi per navigare.

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

DIARIO DI GUERRA DEL GENERALE MASSIMO IACOPI

      

   

Foreign Affairs

 Registrazione Tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002

 

 

Manuale di:

Massimo Iacopi


Annientata una Brigata Ucraina - Israele attacca Rafah

 

Stampa agevole

Invia questa pagina ad un amico

Nessun file da scaricare

Torna all'indice

 

 

2002-2024 Tutti i diritti riservati

GEN. D. MASSIMO IACOPI


Bolettini Numero 1 - 2 - 3

DIARIO DI GUERRA DEL GENERALE MASSIMO IACOPI

Annientata una Brigata Ucraina - Israele attacca Rafah

(Assisi PG, 09/03/2024)

DIARIO DI GUERRA DEL GENERALE MASSIMO IACOPI

Bollettino Numero 1 del 9 Marzo 2024

La situazione delle due guerre maggiori nell’ultimo mese offre pochi spunti significativi. Il periodo appena trascorso non ha fatto evidenziare cambiamenti rilevanti rispetto al quadro globale presentato il mese scorso. Circa l' Ucraina, si nota, sul campo, una certa difficoltà, tanto che ha dovuto cedere terreno, ritirandosi dal saliente occupato nella controffensiva dello scorso anno (il saliente di Adwinka nei pressi di Donesk). La decisione ucraina deriva: dal cambiamento di politica conseguente all'avvicendamento del Comandante operativo, dalla limitata disponibilità di munizioni e dalla necessità di risparmiare le forze disponibili, specie dopo le notevoli perdite, in termini di effettivi, subite nei combattimenti di Bakhmut e nell'ultima controffensiva. Le forze ucraine si sono rese conto che non possono continuare ad accettare “sul campo” una pericolosa lotta di usura, che é proprio la tattica della “mattanza reciproca”, che i Russi hanno inaugurato a Bakhmut. La difesa, d'ora in avanti, verrà condotta con metodi diversi, facendo ricorso a procedimenti di elevata mobilità, evitando esiziali irrigidimenti e resistenze sul posto, ma per questo occorrono anche ingenti quantità di munizioni. Evidentemente i Russi, continuano ad applicare da secoli la loro logica della guerra d'usura, soffrendo, apparentemente di meno, il problema delle perdite umane che, numericamente, risultano veramente ingenti (oltre 100 mila morti, ma in compenso, forse, adesso, non hanno più delinquenti ed oppositori nelle carceri !!!). Vale la pena, infine, di sottolineare il grande successo ottenuto dai resti della marina ucraina, con l'affondamento di una fregata russa del Mar Nero, una delle unità da cui partono i missili di crociera che colpiscono la parte occidentale dell' Ucraina e, recentemente, di una nave da sbarco. Alla marina ucraina deve essere attribuito il fondamentale successo nell'aver sistematicamente sventato tutti i tentativi di sbarco russo con obiettivo la conquista di ODESSA con l'aiuto di droni molto efficaci (drone navale Magura). Sul fronte del Medio Oriente, non mi sembra di aver captato nulla di veramente nuovo, se non il fatto che la propaganda del fronte arabo ha talmente intossicato, per mezzo di molti media corrotti di casa nostra (e l'ultima inchiesta sul dossieraggio in grande stile ne é un sintomo), l'opinione pubblica in Occidente, tanto da manipolare e provocare numerosi cortei di “ignari” e manipolati studenti che, di fatto, si sono già dimenticati che l'ultimo scontro israelo palestinese, nasce dai massacri (oltre mille morti) e dalle feroci violenze perpetrate nell'attacco palestinese del 7 ottobre 2023. A mio parere, HAMAS sembra non avere più il polso della situazione nella striscia di GAZA e soprattutto non ha più il supporto diretto locale delle organizzazioni internazionali, a loro asservite e smantellate dagli Israeliani (l'UNRRA). Prova ne sia il fatto che i terroristi non sono più in grado di fornire l'elenco degli ostaggi ancora vivi (il totale, meno quelli eliminati da loro e quelli probabilmente uccisi delle bombe ebraiche), a premessa di una eventuale tregua. Figuriamoci, in questo contesto, l'attendibilità che può avere il bollettino del conteggio dei morti a GAZA, che viene regolarmente diramato da HAMAS al termine di ogni giornata !! D'altronde, come ho già sottolineato più volte, ISRAELE non sembra flettere nella sua pervicace volontà di perseguire il suo obiettivo finale, che é l'eliminazione dell'influenza di HAMAS nella striscia di GAZA. Certo, NETANHIAU non può permettersi di irritare troppo il suo protettore USA, che si trova in gravi difficoltà nella prospettiva delle elezioni presidenziali del prossimo novembre. Anche la scusa della necessità di una tregua, per motivi religiosi, per il prossimo mese del Ramadan, strombazzata quotidianamente dai nostri media, appare decisamente irrilevante per ISRAELE, qualora si pensi che gli Arabi, nel 1973, hanno attaccato gli Ebrei proprio nella festa religiosa dello YOM KIPPUR. Nei fatti, tutto questo appare, come il solito, puro e semplice sofisma, espediente tipico degli intellettuali di sinistra occidentali. In ogni caso, ISRAELE si trova, politicamente, sotto pressione per la deprecabile situazione umanitaria della popolazione di GAZA e per questo motivo risulta molto difficile prevedere le decisioni che sarà, primo o poi, costretto ad assumere. Per il momento, esso privilegia ancora la carta del guadagno di tempo per portare a termine la sua azione programmata. Forse il problema attuale più rilevante per noi appare la grave azione di disturbo condotta, per procura, dal movimento sciita degli HUTHI, dello YEMEN, che cercano di interrompere, o perlomeno di perturbare pesantemente, il libero passaggio nel Mar Rosso alle navi di Israele e di quei paesi che lo appoggiano. Quest'azione, anche se nei fatti non costituisce una minaccia grave, rappresenta comunque un vulnus economico importante per l'economia occidentale ed in particolare per l'ITALIA, i cui porti hanno visto una diminuzione sensibile delle loro attività. L'Occidente ha già risposto con l'invio di importanti mezzi navali ed aerei nell'area, ma la condotta delle operazioni non appare unitaria e potrebbe non conseguire i risultati sperati, almeno per il momento (Sembra, infatti, aprirsi lo spiraglio di una gestione comune delle forze navali impegnate nel Mar Rosso). In effetti, questa é una guerra asimmetrica ed il guerrigliero/terrorista può colpire di sorpresa, “loco et tempore” (a tempo e luogo), proprio come l'affermavano, a suo tempo, gli artiglieri del duca d'Este. A ben vedere, i veri nemici dell'Occidente sono altrove, a TEHERAN ed a MOSCA.

DIARIO DI GUERRA DEL GENERALE MASSIMO IACOPI

Bollettino Numero 2  del 7 Aprile 2024

La situazione bellica sui fronte ucraino e palestinese, alla data odierna  offre pochi spunti significativi.  Anzi, la guerra in Ucraina, fornisce segni molto ambigui e contrastanti sulla reale situazione sul terreno. I Russi continuano nel loro sistematico martellamento del territorio ucraino ed ottengono, nel contempo piccoli guadagni territoriali sul terreno a costo di perdite umane enormi. Anche l'Ucraina sembra in gravi difficoltà ingigantite dal fatto che i suoi dirigenti nella loro lotta quotidiana per ottenere aiuti dall'Occidente, contribuiscono anch'essi a rendere più grave la reale situazione sul terreno. Certamente l'Occidente non ha nulla da guadagnare dal suo attendismo, perché anche un eventuale parziale successo di PUTIN renderebbe, a mio avviso, molto più probabile uno scontro diretto con la NATO, perché i paesi dell'ex Cortina di Ferro (Paesi Baltici, Polonia, Slovacchia e Romania), per garantire la loro indipendenza, non rimarranno a guardare di fronte ad una sconfitta dell'Ucraina e questo PUTIN lo sa !. Le prossime elezioni americane, sotto questo aspetto, intervengono in un momento molto critico ed anche lo stesso TRUMP se, come sembra, vincesse il confronto elettorale, non potrebbe mollare tutto senza gravissime ripercussioni  per il mondo occidentale. Invece, per quanto attiene al Medio Oriente, la fase finale dell'azione di Israele nei confronti di HAMAS, in prospettiva  sembra complicarsi. Diventa infatti sempre più difficile per l'esercito israeliano condurre la fase finale dell'operazione su RAFAH, tenuto conto che l'area ha raggiunto tassi di densità di sovrappopolamento inauditi e quindi, prima di condurre l'attacco finale, sarebbe ragionevole agevolare lo sfollamento di almeno un milione di Palestinesi altrove, possibilmente  in campi di sosta provvisori. E pare che gli Israeliani si stiano organizzando in tal senso. Ma gli amici di HAMAS e tutti coloro i quali hanno elargito loro soldi a piene mani (Emiri del QATAR), stanno coagulando l’adesione  contro NETANHYAU di sempre nuovi nemici, interni ed esterni. In particolare, i democratici americani, preoccupati dell'andamento della campagna elettorale presidenziale di BIDEN, stanno spingendo a tutta forza su TEL AVIV per obbligare il Governo a porre in essere una tregua nelle operazioni contro GAZA. Su questo punto, ISRAELE non può tirare la corda troppo a lungo, specie in questa fase delicata circa i apporti con gli USA. Ritengo quindi che non si possa escludere a priori che HAMAS, sebbene continui a cavalcare una determinata intransigenza, si trovi anch'esso di fronte ad un bivio e che per salvare il salvabile possa in qualche modo addolcire le sue condizioni, con un allentamento almeno temporaneo della pressione militare,  offrendo ad ISRAELE una possibile via di uscita. Il problema di nuove elezioni chieste a danno del premier israeliano costituisce, in effetti, un falso problema, perché nessun paese, per la propria sopravvivenza, si reca a votare in una situazione di guerra. E se, come é probabile, le elezioni venissero comunque indette, la loro data sarebbe comunque fissata a partire dall'ultimo trimestre dell’anno corrente, quando cioè tutti pongono le loro speranze nella fine delle operazioni. Il fatto  é che, se NETANHYAU dovesse raggiungere gli obiettivi programmati, a quel punto le elezioni si trasformerebbero in un suo trionfo ed in un boomerang per chi oggi le reclama. A mio modesto avviso, al momento tutto dipende da HAMAS e dai suoi “sostenitori”…  anche se le complicazioni che vengono regolarmente poste dai suoi “protettori” hanno contribuito a diffondere un certo nervosismo nella dirigenza israeliana che, negli ultimi tempi, sta colpendo duramente anche a nord: nel Libano HEZBOLLAH ed in Siria i CURDI. A tal proposito mi chiedo quale sia la necessità di continuare a mantenere il contingente militare italiano nel Sud del Libano, di continuo sorvolato da missili e granate provenienti dagli schieramenti iraniani ed Hezbollah. Non credo, comunque, che l'IRAN, nonostante la perdita per mano di TEL AVIV di uno dei principali capi dei Guardiani della Rivoluzione a DAMASCO, possa assumersi il rischio di dare corso ad azioni di guerra nel teatro delle operazioni. Già, qualche anno fa, l'eliminazione in territorio siriano del Capo dei servizi segreti iraniani non aveva prodotto altro che rumore. Colpisce nella fattispecie il comportamento delle ONG (organizzazioni non governative ) che operano nel territorio di Gaza in soccorso dei Palestinesi, allorché  hanno assunto nette posizioni in favore di HAMAS, contribuendo così a complicare ulteriormente il quadro generale e ad ostacolare la prosecuzione delle operazioni israeliane. Non c’è alcun dubbio che  la situazione della popolazione palestinese sia tragicamente grave. Tuttavia non si può non rilevare che le ingenti perdite umane che colpiscono i civili palestinesi giochino a favore dei terroristi di Hamas e vengono da costoro cinicamente sfruttate per ottenere  aiuti esterni ed alimentare la loro sopravvivenza bellica. Chi vivrà vedrà…

 

DIARIO DI GUERRA DEL GENERALE MASSIMO IACOPI

Bollettino Numero 3  del 7 Maggio 2024

la News di questo mese offre alcuni spunti significativi per un commento concernente le situazioni delle due guerre maggiori in corso. Il primo evento riguarda, finalmente, l'approvazione bipartisan, da parte del Congresso di Washington, della liberazione di fondi ed aiuti militari a favore dell'Ucraina. Una richiesta di aiuti che, se approvata nei tempi previsti (almeno quattro mesi fa), avrebbe evitato la situazione critica che oggi sta vivendo l'esercito ucraino sul campo (carenza di munizioni, di contraerei e di artiglierie). I Russi, tolta la tara alle loro dichiarazioni propagandistiche, sembrano effettivamente progredire nel Donbass, a costo di molte perdite, e cominciano a pensare di poter liberare completamente gli Oblast di Donesk e di Lugansk. Non solo, sulla spinta di una situazione favorevole, i falchi del Cremlino, cominciano a sognare di poter mettere le mani anche su una metà molto agognata, ovvero la conquista del porto di Odessa. Speriamo che gli aiuti americani, anche se in ritardo, possano fornire agli Ucraini l'ossigeno necessario per reagire alla situazione di difficoltà attuali. L'Europa occidentale, di fatto, vive con apprensione la situazione ucraina e la maggioranza dei governi sembra ormai convinta che occorre arrestare con tutti i mezzi l'azione della Russia. L'eventuale caduta di Kiev provocherebbe una reazione a catena decorrente dal tentativo, mai nascosto da parte di Mosca, di riannettersi anche le Nazioni del Baltico. La Francia di MACRON ha già avvisato la RUSSIA sulla possibilità di intervenire con le proprie forze sul territorio ukraino a sostegno di Kiev, come anche la POLONIA ha già dichiarato di essere pronta ad entrare con le proprie forze nell'Ucraina occidentale, in caso di collasso di Kiev. Infine, anche la NATO ha iniziato ad organizzarsi nel territorio dei paesi membri dell'ex Cortina di Ferro (Paesi Baltici, Polonia, Slovacchia e Romania e Bulgaria), nell'ipotesi di un possibile scontro diretto con la RUSSIA, perché tali paesi, per garantire la loro indipendenza, non rimarranno a guardare di fronte ad una sconfitta dell'Ucraina e questo PUTIN lo sa !. In tale contesto, sono in avanzata fase di organizzazione una serie di raggruppamenti tattici multinazionali di pronto impiego sulla frontiera orientale dalla NATO e, nello specifico, l'ITALIA ha avuto il compito di sovraintendere all'organizzazione del complesso tattico che dovrà operare in BULGARIA (la FRANCIA in ROMANIA, ecc). Per quanto riguarda il possibile futuro atteggiamento post elettorale USA nei confronti del conflitto ucraino, oltre ai ripetuti moniti di BIDEN al Cremlino, la recente approvazione bipartisan degli aiuti a KIEV ci indica che anche TRUMP sta forse riconsiderando la sua posizione nei confronti di MOSCA. Anche per quanto attiene al Medio Oriente, gli avvenimenti succedutesi negli ultimi trenta giorni sembrano suffragare le ipotesi avanzate con la News dello scorso mese. In effetti, l'IRAN, con il lancio di oltre duecento missili a lunga gittata e droni contro il territorio di ISRAELE (attacco peraltro pubblicamente anticipato), ha voluto mostrare i suoi muscoli e salvare la faccia davanti al mondo arabo. Ma l'effetto di questo attacco, che ha avuto risultati decisamente miseri (+ del 90% dei velivoli intercettati in volo e buona parte del rimanente distrutto dalla contraerei di TEL AVIV), ha messo in evidenza l'esistenza di una alleanza militare di fatto, oltre agli USA, fra ISRAELE, REGNO UNITO, GIORDANIA ed ARABIA SAUDITA, le cui forze aeree hanno contribuito a distruggere, in volo, i missili ed i droni degli Huthi dallo Yemen e quelli partiti dal territorio iraniano. Per quanto attiene alla fase finale dell'azione di ISRAELE su RAFAH, nei confronti di HAMAS, sebbene complicata in prospettiva, non sembra né rimandata, né tramontata, nonostante i buoni uffici e le minacce USA. Ma gli amici di HAMAS e tutti quelli sensibili ai soldi elargiti a piene mani dagli emiri del QATAR, stanno suscitando contro NETANHYAU sempre nuovi nemici, interni ed esterni ed effettuando pressioni sui governi occidentali con l'organizzazione di numerose manifestazioni di sostegno ad HAMAS in Europa e negli USA. Per fortuna di TEL AVIV anche HAMAS, sembra mostrare una notevole rigidità perché, a sua volta, non gradisce la presenza israeliana sul suolo della striscia di GAZA, anche nel caso di un consistente cessate il fuoco. La sopravvivenza di HAMAS é legata alla sua possibilità di recuperare la sua influenza sulla sua gente e di tenere in ostaggio i Palestinesi dell'area, cosa che la presenza israeliana renderebbe molto poco probabile. HAMAS non cede sui pochi ostaggi che gli sono ormai rimasti, per motivi di sopravvivenza ed ISRAELE, a sua volta, non cede sulla sua presenza nella striscia nel dopo tregua, perché persegue, comunque ed in ogni caso, la fine di HAMAS.  Gli USA ed in particolare i democratici americani, continuano nella loro azione di pressione su ISRAELE, ma poco possono sull'atteggiamento di netta chiusura di HAMAS. D'altronde esiste anche un importante aspetto giuridico che ISRAELE ha posto sul tappeto. Che valore possono avere eventuali accordi della Nazione ebraica con una organizzazione, che costituisce un'entità substatale e ufficialmente non rappresenta nessuno, mentre invece la ANP (Autorità Nazionale Palestinese) sarebbe la struttura legalmente deputata a parlare in nome dei Palestinesi ?...  Di certo, le armi a disposizione di HAMAS si stanno inesorabilmente assottigliando, giorno dopo giorno e persino gli stessi ostaggi si stanno drasticamente riducendo di numero col passare del tempo, ormai ridotti ad alcune decine di prigionieri. Credo, a mio sommesso parere, che con il permanere al governo di Netanyahu e del suo partito, il LIKUD, per HAMAS non ci sia scampo, anzi sembrerebbe persino che ISRAELE, stanco dei tentativi di dilazione, abbia lanciato un ultimatum ad HAMAS su un accordo di cessate il fuoco. Ma, non disponendo della palla di vetro, preferisco fermarmi, per il momento, a questo punto.


Massimo Iacopi

 

Inizio

INVIA UN'OPERA

PROFILO PERSONALE

SUPPLEMENTI

 

Pubblicazione

Tesi di Ricerca, Laurea, Master, Dottorato di ricerca.

 

Inserimento opere letterarie, articoli, foto, dipinti,...

Servizio riservato agli utenti registrati

 

Accesso all'area personale

Il servizio consente di modificare le proprie impostazioni personali

  Registrati | Profilo Personale | Norme Generali | Clubartespressione | Privacy

2002-2024 Graffiti-on-line.com

Tutti i diritti di proprietą artistica e letteraria sono riservati.

Registrazione al tribunale di Rieti n. 5 del 07/11/2002.

Consultare le norme generali e la politica sulla privacy.

Proprietario e Direttore responsabile Carmelo SARCIA'

La pubblicazione di articoli, saggi, opere letterarie, tesi di ricerca, ecc. verrą sottoposta alla preventiva approvazione di una commissione tecnica composta di esperti nel ramo nominati dalla Direzione.

Chi siamo | Mappa del Sito | Contattaci | WebMail | Statistiche